Come pulire il giardino dalle erbacce

Condividi

Un giardino curato regala grandi soddisfazioni alla vista, ma richiede impegno e dedizione per il mantenimento. Una condizione difficile da rispettare per i meno esperti e per chi ha poco tempo a disposizione. Uno spazio verde richiede attenzione e cura perché le erbacce infestanti, le malerbe, impiegano poco tempo a proliferare. Non si tratta solo di estetica, ma anche di salute delle altre piante.

Per evitare brutte sorprese il primo consiglio è quello di dedicate un po’ di tempo al prato durante la settimana, per un mantenimento corretto. Ma se il tempo non c’è o viene a mancare, che fare per eliminare le erbacce? Ecco qualche consiglio.

Pulire il giardino dalle erbacce: azione manuale o con diserbanti

Le erbacce si possono eliminare sia manualmente (tramite la procedura nota comunemente come scerbatura), sia utilizzando appositi prodotti diserbanti (naturali o chimici). Potete dunque strappare le erbe infestanti tirandole dalle radici o aiutandovi con un coltello a lama lunga. Una metodologia applicabile per un giardino piccolo o per piccole zone infestate.

Per aiutare lo smaltimento degli elementi indesiderati, inoltre, potete fare affidamento su un biotrituratore, come ad esempio quelli venduti da ideashopadria. Permette lo sminuzzamento di rami, foglie, potature e di tutti i residui derivanti dalla pulizia e manutenzione di un giardino.

I diserbanti naturali

Se la superficie è ampia è vivamente consigliato l’uso dei diserbanti. Volete evitare i prodotti chimici? Potete utilizzare i diserbanti naturali più comuni come l’aceto e il sale da cucina. Ovviamente l’applicazione è vincolata dal tipo di erba che si deve eliminare. Un utilizzo massiccio, infatti, potrebbe risultare dannoso per le altre piante. Per questo motivo una soluzione può essere rappresentata dai diserbanti selettivi: colpiscono le erbacce a foglie larghe lasciando intatto il tappeto erboso e le sue erbe a foglia stretta.

I diserbanti chimici

Se invece la vostra scelta dovesse ricadere su un diserbante chimico, dovrete optare per quello più adatto alle esigenze del vostro prato. Fatevi consigliare dal vostro esperto di fiducia e attenetevi strettamente alle dosi indicate sulla confezione. Il diserbante va distribuito con spargitore oppure con una pompa irroratrice, insieme al concime per il prato. Quando? Tra marzo e settembre, periodo in cui le erbacce si moltiplicano e le piante hanno foglie più estese, perfette per essere colpite dall’effetto dei diserbanti.

Fate molta attenzione durante l’utilizzo dei diserbanti chimici. Si tratta di prodotti che possono essere dannosi non solo per le altre piante, ma anche per l’uomo e per gli animali. Durante il trattamento indossate dei guanti ed una mascherina protettiva e tenete lontani i bambini e i vostri amici a quattro zampe.